Seleziona una pagina

INSURTECH: LA RIVOLUZIONE NEL MONDO DELLE ASSICURAZIONI

13 Mag 2019

Il neologismo Insurtech identifica tutto ciò che è innovation technology in ambito assicurativo: software, applicazioni, startup, prodotti, servizi. Mutuato dal termine Fintech che afferisce al mondo più propriamente bancario, l’Insurtech ne riprende sia l’impatto che sta producendo sulle imprese tradizionali del settore, sia i fondamenti su cui si basa e la velocità con la quale si sta affermando.

Il termine nasce dalla fusione tra le parole insurance e technology in quanto è, nei fatti, l’incontro e la sintesi tra questi due mondi, quello assicurativo e quello delle tecnologie digitali. Come le banche, anche le assicurazioni sono state tra le industrie più lente nell’adattarsi alla digitalizzazione e nel cogliere le opportunità offerte da questo tipo di trasformazione.

Questa rivoluzione a livello globale ha portato alla fondazione entro la fine del 2018 di oltre 1.200 startup di settore. Si parla di un totale di finanziamenti in continuo incremento negli ultimi due anni (pari al +66%) e una raccolta complessiva superiore ai 43 miliardi di dollari a livello mondiale.

In Italia già 11 milioni di persone (un quarto della popolazione)1 hanno interagito almeno una volta con uno di questi servizi e le startup di settore stanno anche qui crescendo i loro fatturati.

L’obiettivo che si pone il presente report è di analizzare il panorama italiano dell’insurtech, attraverso un monitoraggio online, per comprendere come questa sia discussa online, quali tecnologie già si integrino nelle nuove assicurazioni digitali e prevedere alcune possibili evoluzioni future che potrebbero verificarsi nel breve periodo.

Il report integrale, contenente l’analisi completa del conversato relativo al mercato dell’insurtech con tutti i dati e le infografiche realizzate da SocialMeter, è ora disponibile per il download compilando il form qui di seguito:

Sei pronto a diventare data driven?

Iscriviti per ricevere gli ultimi insight di mercato!

Grazie, ha inizio un piccolo passo per diventare data driven