Successo sui social per la quinta edizione di Masterchef Italia, che si è chiusa con la vittoria di Erica.

Erica, Lorenzo e Alida: questi i nomi dei finalisti che, dopo aver sbaragliato gli altri 17 concorrenti, si sono confrontati ieri sera, giovedì 3 marzo, nell’attesissima finale della quinta edizione di Masterchef Italia. I tre sfidanti hanno lottato a colpi di padella per impressionare i quattro giudici, i cuochi Joe Bastianich, Bruno Barbieri, Carlo Cracco e Antonino Cannavacciuolo, e a spuntarla è stata Erica. Il primo ad essere eliminato è stato Lorenzo, giovane macellaio vicentino che non è riuscito a convincere i giudici con la sua zuppa di cinquanta ingredienti, mentre al secondo posto Alida, venticinquenne di Torino. La trentenne mamma single, fisioterapista di Ravenna, è riuscita dunque a conquistare la vittoria guadagnando un premio di 100mila euro e la possibilità di pubblicare un libro di ricette. L’accesa battaglia culinaria finale è stata ancora una volta protagonista sui social, sia a causa dell’errore tecnico di Sky, che ha permesso ad alcuni abbonati di vederla in anteprima attraverso il portale SkySelection, sia per le controversie nate sulla scelta della vincitrice.

SocialMeter Analysis ha monitorato il parlato di Twitter relativo alla quinta edizione del programma attraverso gli hashtag #mastechefit e #masterchef. Nel periodo compreso tra il 14 dicembre e il 3 marzo si sono registrati oltre 459587 tweet e 53396 utenti coinvolti nelle conversazioni. I picchi di tweet, comprensibilmente sono stati rilevati nelle serate della messa in onda del programma: durante la finale tra le 21:00 e le 22:00 si è arrivati a circa 35000. Tra gli utenti più attivi sono risultati @divanofuudly, @lanonnapaperina e @skyuno, mentre tra quelli più menzionati @masterchef_it e @skyuno ai primi posti, seguiti dagli account ufficiali dei giudici @jbastianich, @antoninochef e @barbierichef.

Sei pronto a diventare data driven?

Iscriviti per ricevere gli ultimi insight di mercato!

Grazie, ha inizio un piccolo passo per diventare data driven